Loading posts...
  • Giovanni "Naksa" Deidda degli Statuto in stile Mod.

    Intervista a “Naska”, batterista degli Statuto

    Giovanni Deidda, per tutti “Naska”, è il batterista della storica formazione torinese degli Statuto.
    La band, sulle scene dai primi anni 80, prende il nome proprio dalla piazza di Torino che da sempre è il luogo di ritrovo preferito dai Mod del territorio.
    Abbiamo parlato dell’evoluzione del movimento Mod e di quella dello Ska, della situazione attuale della musica e di alcuni importanti personaggi incrociati dagli Statuto durante la loro quasi quarantennale carriera. C’è stato spazio anche per fare due chiacchiere a proposito di una grande passione di “Naska”, quella per i Beatles e per il suo collega Ringo

  • Intervista a Fabrizio Rostelli

    Fabrizio Rostelli, collaboratore del Manifesto, è un giornalista specializzato in reportage e interviste.
    Tra le personalità che ha intervistato, oltre a grandi del cinema (Terry Gilliam e Jerry Schatzberg), figurano personaggi del calibro di Nicolai Lilin e Noam Chomsky, nonché combattenti di mondi solo apparentemente lontani dal nostro, come i leader colombiani delle FARC e il comandate Nemo.

  • Le migliori canzoni dei Beatles

    Quali sono le canzoni più importanti dei Beatles? O meglio; quali sono quelle che più di altre sono fondamentali per comprendere l’arte e la poetica del quartetto di Liverpool?

  • Beatles e Beach Boys. L’ultimo omaggio?

    È un caso che i pezzi di due tra i musicisti più importanti del secolo siano in parte così simili? O quello che sentiamo in Abbey Road è l’ultimo, sentito, omaggio di McCartney a un artista eccezionale?

  • Foto articolo dedica

    A chi è dedicata Baby You’re a Rich Man dei Beatles?

    Chi è il misterioso destinatario delle parole di BABY YOU’RE A RICH MAN? C’è chi lo ha individuato in Brian Epstein, celebre manager dei Beatles. Ma la verità potrebbe essere un’altra…

  • bealtes in stile cavalieri medievali

    Il Mito dei Beatles

    Come hanno fatto quattro semplici ragazzi di Liverpool a diventare, e restare per sempre, leggenda?
    Secondo Daniele Soffritti, autore di un libro cult pubblicato nel 1980, la risposta (oltre che negli indiscussi meriti artistici dei Fab Four) sarebbe rintracciabile nei molti collegamenti riscontrabili tra il percorso tracciato dai Beatles e la figura universale dell’Eroe.